Villa Giulia in Italia e nel mondo ODISSEE. Diaspore, invenzioni, migrazioni, viaggi, pellegrinaggi

16/11/2017

Villa Giulia in Italia e nel mondo

ODISSEE. Diaspore, invenzioni, migrazioni, viaggi, pellegrinaggi

Torino, Palazzo Madama

16 novembre 2017-19 febbraio 2018

 Necropoli della Banditaccia (inv. 106337)

Il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia partecipa con un importante prestito alla mostra ODISSEE. Diaspore, invenzioni, migrazioni, viaggi, pellegrinaggi (Torino, Palazzo Madama, Corte medioevale, 16 novembre 2017-19 febbraio 2018), curata da Guido Curto.

La mostra intende sviluppare il tema del viaggio e delle migrazioni, fra storia e contemporaneità, ed è articolata in 12 sezioni tematiche, ciascuna delle quali è rappresentata da 5 o 6 opere altamente significanti dei principali fatti migratori della nostra storia: dalla Preistoria alle migrazioni di oggi, passando attraverso l'espansione dei grandi Imperi, le invasioni barbariche, i pellegrinaggi propri delle grandi religioni, i viaggi degli esploratori e dei conquistatori, le emigrazioni verso l'America.

I primi spunti di riflessione sul tema del viaggio si rintracciano nel mondo antico e rimandano al racconto dell'Odissea, con lo spaesamento del viaggio e il confronto con l'Altro.

Ed è proprio in questa sezione che trova posto il prezioso vaso prestato dal Museo di Villa Giulia: una splendida Hydria a figure nere appartenente alla classe delle idrie ceretane, prodotte a Cerveteri da artigiani del nord della Ionia (attuale Turchia settentrionale), attribuita al Pittore dell'Aquila (530-520 a.C.) e proveniente da una tomba della necropoli della Banditaccia di Cerveteri. Su un lato di questo vaso è infatti rappresentato uno degli episodi più celebri dell'avventuroso viaggio affrontato da Odisseo per tornare alla sua Itaca: l'accecamento del ciclope Polifemo.

idria

Documenti da scaricare